Di fronte alla Verità

Ed non mi ha chiamato indietro. E, lui mi ha bloccato su IM. Questo lo so perché ho due screennames, e dopo due giorni di lui che appaiono non in linea, ho firmato sull’altro account che non uso mai e non hanno effettuato il login su per sempre, e aggiunto alla mia lista di amici. Lookie lookie, c’era: Online.

In un primo momento, stavo andando ad aspettare. Voglio dire, lui è a venire, alla fine, giusto? Poi ho pensato a tutta l’attesa che ho fatto per Brandon, e ha deciso che ho finito di attesa intorno per i ragazzi di cui mi preoccupo di capire quanto si preoccupano per me.

Uno svantaggio di essere disoccupato? Ho troppo tempo per pensare a queste cose. Un vantaggio? So dove sono le persone durante il giorno. Così, ho deciso di andare in agguato Ed al lavoro.

“Ciao K.,” il suo assistente, Maria, cinguettò a me quando mi è venuto in. “Vai”.

Aprii la porta Ed ufficio, entrò e chiuse dietro di me. Dice di essere stato sorpreso di vedere me, è un eufemismo. Sembrava che stava per vomitare.

“K., um, che cosa stai facendo qui?”

“Bene,” ho cominciato, mi confortevole nel sedile di fronte alla sua scrivania. “Non avete mai mi ha chiamato indietro. Si mi ha bloccato su IM. Non ho sentito da voi per tutta la settimana. Ho pensato drastici provvedimenti.”

“K., sto lavorando. Non siamo in grado di fare questo, adesso.”

“Prima di tutto, è proprio la società. Si può fare quello che cavolo vuoi. In secondo luogo, hai avuto la possibilità di fare questo in un momento più conveniente, e ha scelto di non. Voglio una spiegazione.”

“K.”, ha detto al top della sua scrivania. “Io non credo tutto questo amici cosa sta andando a lavorare per noi.”

“Perché no? E parlare per me, non per i mobili per ufficio.”

“Perché,” sospirò, mi guarda con un’espressione di pena. “Io non posso parlare al telefono senza voler vedere. E non vedo che te, senza volerlo baciare. E io non ti bacio senza voler essere con voi, veramente con te, e io non posso farlo. Così si può vedere il mio dilemma.”

La sua onestamente bussò il vento fuori di me, e mi è stato momentaneamente senza parole.

“K.”, ha continuato. “Se io non ero ancora tutto incasinato da Emily, vorrei essere con voi in un secondo. Ma io sono. E se si tenta di eseguire questa operazione solo amici cosa, mi fanno impazzire. Avete intenzione di andare in date. Si sta andando ad incontrare qualcuno e di innamorarsi e di essere beatamente felice, e si dovrebbe fare tutte quelle cose. Ma io non sono abbastanza masochista a guardare quello che accade e di far finta di essere di supporto.”

Ho quasi camminato fuori allora. Egli era praticamente chiedendo di me. Ma ho capito che non volevo essere solo amici. Volevo prendere Sarah consulenza e basta prendere una completamente pazzo rischio con una reale possibilità di ottenere il mio cuore spezzato. Per una volta nella mia vita, volevo solo palle-out indossare il mio cuore sulla mia manica e non si preoccupano se non ero andando a farsi male.

“Ecco quello che so,” ho cominciato. “So che quando sto con te, non voglio che finisca. Non mi stanco mai di essere intorno a voi. E non importa che cosa sto pensando, posso dire, e so che non si sta andando a pensare di meno a me a causa di esso. So che sto 110% di me, quando sto con te. So che le cose potrebbero non funzionare tra noi, ma che, se lo fanno, ho intenzione di essere mille volte più felice di quanto io abbia mai fatto prima. E io so che c’è una possibilità molto reale che si sta per rifiutare di me, ma io ancora non riuscivo a camminare fuori di qui senza dire tutto questo.”

Mi fissò, con la bocca leggermente aperta, gli occhi spalancati, e non disse nulla. Io ho aspettato.

“Io davvero non mi aspettavo di dire nulla di che,” ha detto. “Sono un po’ basita, a dire la verità. E io non sono sicuro di cosa fare.”

Mi alzai dalla sedia, fece il giro della scrivania, si sedette sulle sue ginocchia e mettere le mie braccia intorno al suo collo.

“Ci faranno capire,” mi disse, baciandolo. “Lo prometto”.

Lascia un commento