Manca la Love Boat

“Che cosa vuoi?” L’Editore ha chiesto.

Avevamo appena fatto sesso, e sono sdraiato nel letto. La mia mente aveva iniziato a vagare in direzione di tutte le cose il Viagra, e credo che mi sarei perso qualcosa, ha detto.

“Mi dispiace, ho un mezzo assopito,” ho risposto. “Che cosa hai detto?”

Egli è stato in silenzio per un momento. Troppo tranquilla. Ho deciso di dargli una piccola spinta?

“Hai detto qualcosa?” Ho chiesto di nuovo.

“Sì,” disse seccamente, di alzarsi dal letto. “Ho detto ‘ti amo.'” Entrò in bagno e chiuse la porta.

Oh mio Dio, io sono un asino! Qui stavo cercando di capire quando è scivolato una pillola in modo da poter ottenere un’erezione, e ho completamente perso lui mi diceva che mi amava per la prima volta. Non ero sicuro di cosa fare, così ho aspettato per lui a venire fuori. E attese. E attese. Finalmente è venuto fuori. Mi alzai dal letto e lo seguì nella mia cucina, dove si stava preparando per versarsi un bicchiere d’acqua.

“Mi dispiace”, dissi. “Sono appena stato distratto ultimamente.”

“Sì, beh, ho cercato di parlare con me nel dire che per tutta la notte, e quando finalmente l’ho non ancora mi ascolti. Spero capirete perché mi potreste sentire un po ‘ offeso.”

Cosa vuoi anche per dire a qualcuno in quella situazione? “Ti amo troppo” sarebbe stato troppo-poco-troppo-tardi sentimento. Inoltre, non so nemmeno io che fare. Voglio dire, mi piace un sacco, e, come ho detto prima, posso sicuramente vedere come ci siamo diretti in quella direzione, ma solo se siamo in grado di parlare e lavorare attraverso il problema di impotenza. E questo chiaramente non era il momento di tirarlo su, perché egli è stato, ovviamente, un sentimento di insicurezza. Mi sono avvicinato a lui, mettere le mie braccia intorno al suo collo e posò la testa sul suo petto.

“Torna a letto”, ho mormorato.

Lui non si muoveva.

“Per favore?”

A malincuore, mi ha lasciato condurlo per mano e tornò a letto. Mi rannicchiai nel suo petto, e ha iniziato una sorta di distratta a giocare con i miei capelli.

“Ho la fortuna di avere in vita mia,” mi disse, sollevando la mia testa in su a guardare verso di lui. “Voglio dire”.

Metà-sorrise, ed era una mezza felici e mezza. “Lo so.” Mi ha baciato sulla fronte e si addormentò poco dopo. A Me? Sono stato la maggior parte della notte, chiedendomi come stavo per risolvere il disagio. In mattinata, aveva la testa fuori presto, per il brunch con i suoi genitori. Non ho avuto un invito.

È strano. Quando si risalgono in gran parte ragazzi che fanno tutti gli avvitamento, tipo ti dimentichi di come fare le cose per bene quando è colpa tua. Ora che cosa?

Lascia un commento